martedì 29 marzo 2011

Marché de VinShu

Ho cancellato gli ultimi post in cui avevo parlato di cibo radioattivo perché qualcuno li ha interpretati come una propaganda catastrofista che terrebbe i turisti lontani dal Giappone per i prossimi millenni. Invece io dicevo solo che sono stufo di non poter trovare alcune cose al supermercato perché alcuni si fanno prendere dal panico, oppure di trovarne altre ma di non poterle comprare perché un rompipalle mi dice, sbagliando, che sono radioattive. Allora per evitarmi ulteriori rotture faccio così: i post cancellati saranno trasferiti quando ne avro' voglia nell'altro blog sotto una password comprensibile solo agli italofoni madrelingua, e ora faccio un post normale dove mi limito a dire quello che ho mangiato in un ristorante qualche giorno fa, così chi rompe le palle solo perché guarda le figure e vede gli spinaci non avra' niente da dire.
Ebbene, nei meandri dei sotterranei di Nihonbashi, vicino alla stazione di Tokyo, c'è questo locale a tema verdure: Marché de VinShu. In zona ci sono tante aziende e poco altro, e pare che all'ora di pranzo sia strapieno. La sera, invece, è sempre semivuoto, e così lo abbiamo trovato quando ci siamo venuti.
Per ingannare l'attesa ci portano questi crostini con sopra zucca lessata e schiacciata e una spruzzata di pepe nero. Ottimi e anche facili da riprodurre a casa.

Questo è un piatto di carciofini grigliati. I carciofi crudi sono praticamente impossibili da trovare in Giappone e anche questi sono certamente sott'olio. Si sciolgono praticamente in bocca, sono carciofi ma non sono un granché.

Il piatto più buono probabilmente erano questi daikon stufati, chiamati nel menu bistecche di daikon all'aglio. E' presentato con un condimento di miso e aglio tritato.

Anche questo paté con grani di pepe nero era buonissimo.

Segue questa Ratatouille.

Per finire un riso al pollo tipico della cucina di Singapore, che non so cosa c'entri con quello che ho mangiato prima, ma chi se ne frega. Trovo dentro melanzane, peperoni, semi di zucca e altre verdure. E' accompagnato da un'ottima salsa piccante.

Compresi quattro drink, tre alcolici e un analcolico, il conto è stato di 8000 yen.
Se il post vi ha fatto venire l'appetito, potete farvelo passare dando uno sguardo al post sul mio dentista.

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...